Un boss ai Lidi: Un covo tra le villette ancora disabitate

LIDO DI POMPOSA  22 novembre 2010

Un quartierino di villette nuove, bicolori e in buona parte disabitate, a due passi dalla spiaggia. In una di quelle abitazioni viveva da alcuni mesi Nicola Acri, 31 anni, personaggio di spicco della ‘ndrangheta cosentina arrestato l’altro ieri a Bologna dai carabinieri del Ros. In un bilocale al primo piano il latitante aveva allestito uno dei suoi covi: due camere, cucina, soggiorno e bagno, secondo uno schema che si ripete in serie su entrambi i lati di viale Carrà. Cercava la tranquillità, Nicola Acri, e tra quelle pareti, sul confine tra lido Pomposa e lido Scacchi, l’aveva trovata. Aveva stabilito rapporti superficiali con i vicini, foto e filmati lo ritraggono mentre passeggia serenamente, accompagnato dai familiari, in un ipermercato di Ravenna. Sotto il cielo grigio e la pioggia dell’autunno, ieri mattina, era difficile imbattersi in qualche passante. Lo scorcio, se proiettato sotto il sole estivo, è quello tipico del litorale turistico, da casa vacanze. Svoltato l’angolo ci si ritrova sotto le palazzine più attempate di lido degli Scacchi, subito dopo il cartello di inizio località. La villetta abitata da Acri era stata affittata da Giuseppe Frassino, 49 anni, anche lui di Rossano, un’intestazione che ha coperto in modo efficace, fino a sabato scorso, l’identità dell’occupante ricercato. Le pattuglie dei carabinieri della Compagnia di Comacchio e i colleghi del Ros di Bologna non hanno avuto difficoltà ad individuare la villetta-covo di lido Pomposa. La perquisizione, l’altro ieri, è proseguita fino a tarda notte. Il materiale sequestrato è già all’attenzione degli inquirenti: sim card, un computer portatile, una consistente somma di denaro (11mila euro), blocchetti di assegni e un ricettario in bianco con l’intestazione di un ospedale di Bologna. La scelta logistica del latitante conferma quella di altri personaggi in fuga scovati negli ultimi 20-30 anni proprio negli appartamenti dei lidi comacchiesi, dove si può vivere senza farsi notare troppo d’inverno e anche d’estate, fra tanti turisti che vi soggiornano poche settimane.

Da La Nuova Ferrara.it

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...